IMHA TARIKAT – “KARA IHLAS”. Black Metal Tsunami!

Di stanza in quel di Mülheim, città tedesca situata nella Renania Settentrionale-Vestfalia, e con radici culturali turche, gli Imha Tarikat sono un duo che suona black metal come tanti altri, verrebbe da pensare. In realtà la storia della band, composta da Ruhsuz Cellât alla chitarra e alla voce e da Prowler alla batteria, è un po’ più complessa: nati nel 2015 gli Imha Tarikat – dal turco, che significa distruzione – fanno uscire solo nel 2017 il loro primo Ep, Kenoboros, pubblicato dalla Terratur Possessions, che ottiene buoni riscontri dalla critica. Da qui un silenzio di quasi due anni, che viene smorzato dall’annuncio dell’atteso debut album, a cui corrisponde anche un cambio di etichetta: Kara Ihlas esce infatti per la tedesca Vendetta Records, che pubblica l’album in cd, in vinile nero e dorato e in cassetta.

Ma cos’è che mi ha spinto a parlare del disco in questione? Beh semplicemente il fatto che non siamo davanti a un semplice disco black metal, tutt’altro. E quello che ci viene sganciato a mo’ di granata nelle orecchie fin dalla prima nota dell’album è uno strano ibrido difficilmente classificabile, che sta a cavallo tra il classico black metal norvegese, con un occhio di riguardo ai Darkthrone (ma con una marzialità che mi ha fatto pensare anche alla scena svedese, in particolare ai Dark Funeral) e l’hardcore punk che strizza un occhio al crust più arrabbiato. Questa dicotomia si percepisce soprattutto a livello di rapporto musica-voce, dove la prima segue maggiormente i dettami del black metal, senza però seguirli pedissequamente e la seconda si muove in un campo decisamente più punk, grazie all’assenza di screaming, rispetto al quale è preferito uno stile vocale che parte dal growling e arriva alla voce pulita sporcata, con un grandissimo uso di riverberi ed echi.

L’album nel complesso consiste in poco più di quaranta minuti di violenza sparata in faccia all’ascoltatore senza un attimo di respiro, non c’è una pausa, non c’è un momento di distensione, ma solo potenza e muscoli mostrati senza alcun timore. Gli otto brani del disco sono ordinati per capitoli e la continuità tra un pezzo e l’altro si percepisce anche grazie alla scelta di far sfociare spesso una traccia nell’altra, in uno tsunami di sicuro impatto per ogni avventore che incappi ingenuamente in Kara Ihlas aspettandosi semplicemente un disco black metal qualsiasi! Ma tolta l’impressione che si ha al primo ascolto, è pur vero che i brani si assomigliano abbastanza tra loro e questo sicuramente inciderà sulla longevità del disco. Comunque la band è stata brava nel mantenere tutti i pezzi entro una durata tutto sommato molto standard per il genere, con il brano più lungo che non arriva a toccare i sei minuti.

A testimonianza di quanto la compenetrazione tra black e hardcore sia azzeccata ascoltatevi II-I: Omninihai Çözümü (Omni-Final Solution), che parte con accordoni aperti e batteria ignorante decisamente punk per poi stemperarsi in un tripudio di chitarre armonizzate seguite da potentissimi blast beats. E il tutto funziona in una maniera che lascia persino un alone di inquietudine terminato l’ascolto.


In conclusione Kara Ihlas si rivela un disco interessante e curioso, che potrebbe rappresentare una ventata di aria fresca all’interno della scena black metal, la quale comunque non soffre certamente di sterilità in questo periodo, anzi. Forse qualche minuto in meno per un disco così serrato avrebbe giovato maggiormente alla fruibilità nell’ascolto, ma ricordiamoci pur sempre che questo è un disco di debutto e ci sta che la band abbia voluto sfoderare tutte le proprie armi. Il black-core che propongono gli Ihma Tarikat suona davvero come qualcosa di nuovo e intrigante, sicuramente un gruppo da tenere d’occhio e seguire nelle sue prossime evoluzioni.

Voto: 7/10

Distribuito da: Vendetta RecordsAll Noir

Data di uscita: 18/1/19

Imha Tarikat

Dove potete ascoltare/acquistare il disco: BandcampYoutube

Alex Cavani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...